La chiesa di San Biagio si trova nel centro del paese di Montorso Vicentino. Si eleva nella piazza principale e, grazie alla sua posizione, è di dominio a un panorama suggestivo che si confonde fino alle ultime propaggini delle prealpi venete.

Voluta dal rettore del seminario vescovile di Vicenza don Giuseppe Dal Pozzolo, eletto alla parrocchia di Montorso nel maggio del 1837, è stata costruita in posizione eminente tra il 1840 e il 1854 ad opera dell'arch. Giovanni Luigi De Boni, grazie soprattutto al lavoro di volontari con muli e badili.

La facciata eretta tra il 1933 e il 1935 è di aspetto imponente e suggestivo, ornata da cinque statue, da fregi artistici e marmi. L'interno della chiesa fu completato nel 1898 con pitture pregevoli e con la costruzione di quattro altari laterali, in tipico neoclassicismo vicentino, così come l'altare maggiore, la cui pala appartiene all'antica chiesa del colle Fratta: la stessa cosa si suppone per le palette della sacrestia. Accanto alla chiesa si alza il superbo campanile “con gli spigoli a robuste bugne rustiche”, alto circa 40 m., la cui costruzione è stata condotta a termine nel 1872. L'orologio, in pietra di Chiampo, è sempre quello del campanile della vecchia chiesa della Fratta. Andava a sostituire l'antico castello sul colle Fratta che fino ad allora assolveva le funzioni religiose a Montorso Vicentino, il quale è poi diventato il cimitero del paese.

Nell'estate del 2005 a causa di una tromba d'aria, venne scoperchiato il tetto della chiesa senza provocare vittime. I lavori di riparazione durarono fino all'anno seguente