Carissimi fratelli,

Gesù ci chiama alla guarigione della fede, per vedere la luce che è Cristo. «È per un giudizio che io sono venuto in questo mondo, perché coloro che non vedono, vedano, e quelli che vedono, diventino ciechi». 

Noi ci preoccupiamo troppo del giudizio degli altri e poco del giudizio di Dio: il cieco del Vangelo è un emarginato, nessuno lo vede, Gesù sì («l' uomo vede l' apparenza, ma il Signore vede il cuore» - prima lettura), ha bisogno di tutto («il Signore è il mio pastore: non manco di nulla» - salmo) e non vede («un tempo eravate tenebra, ora siete luce nel Signore. Comportatevi perciò come figli della luce...cercate di capire ciò che è gradito al Signore» - seconda lettura). Gesù lo guarisce nel corpo e se ne va. Quell'uomo deve affrontare un' altra volta il rifiuto della società, adesso ci vede ma non è ancora accettato, perché la società rifiuta Colui che l'ha guarito. Solo dopo il secondo incontro con Gesù e la sua professione di fede («Credo, Signore») quel cieco vede davvero.

Cari fratelli, Cristo è la luce vera, se guardiamo ogni cosa alla sua luce sapremo dire GRAZIE (Eucaristia) sempre e per tutto al Padre e non saremo nelle tenebre della confusione o della paura perché Gesù lo ha promesso: «Finché io sono nel mondo, sono la luce del mondo».

Buona Domenica, il Signore vi benedica.

Don Ettore

Una preghiera corale degli italiani per invocare la protezione di san Giuseppe, Custode del Signore e dell’umanità.

La indice la Conferenza episcopale italiana con un appello nel quale comunica che“in questo momento di emergenza sanitaria, la Chiesa italiana promuove un momento di preghiera per tutto il Paese, invitando ogni famiglia, ogni fedele, ogni comunità religiosa a recitare in casa il Rosario (Misteri della luce), simbolicamente uniti alla stessa ora: alle 21 di giovedì 19 marzo, festa di San Giuseppe, Custode della Santa Famiglia.

 

La proposta è stata fatta propria anche dal vescovo Beniamino nella sua recente lettera al clero della diocesi: "Invito tutti ad unirsi nello speciale appuntamento di preghiera alle ore 21 del 19 marzo (Solennità di San Giuseppe), promosso dalla CEI. In quell’occasione, alla preghiera fatta nelle case, associamo la voce delle campane delle nostre chiese".

Dal Vangelo di Domenica 15 marzo:

Intanto i discepoli lo pregavano: «Rabbì, mangia». Ma egli rispose: «Ho da mangiare un cibo che voi non conoscete». E i discepoli si domandavano l'un l'altro: «Qualcuno forse gli ha portato da mangiare?». Gesù disse loro: «Mio cibo è fare la volontà di colui che mi ha mandato e compiere la sua opera. 


Cari fratelli, in questo tempo di Grazia, il Signore ci invita ad uscire dalla paura per aprirci alla fiducia, ad uscire dalle nostre occupazioni per fare la volontà di Dio, a non vivere solo di social ma a nutrirsi del silenzio per mangiare il cibo di Dio.
È una quaresima diversa e proprio per questo è possibile capire più chiaramente l'appello del Maestro a mangiare il cibo vero: la volontà del Padre. Stiamo uniti nella preghiera, vi benedico, buona conversione.

Don Ettore


P.s. vi chiedo tanta preghiera per la casa della carità perché è in grave difficoltà, abbiamo anche bisogno di qualche volontario. Grazie di cuore

 

Alle Comunità di Montorso e Zermeghedo

A seguito delle disposizioni del Vescovo e della Curia Diocesana e del prolungarsi di questa emergenza, informo che anche nella nostra Unità Pastorale SONO ANCORA SOSPESE le Celebrazioni festive e feriali, oltre che tutte le attività parrocchiali (Incontri, riunioni, catechismo, oratorio, gruppi, adorazioni, Via Crucis...).

A tutti voi fedeli, comunico che le nostre Chiese di Montorso e Zermeghedo saranno aperte per la preghiera individuale TUTTI I GIORNI con i seguenti orari:

ZERMEGHEDO
- Dal lunedì al venerdì: 15.00 - 17.00
- Sabato: 17.00 - 19.00
- Domenica: 9.00 - 11.00

MONTORSO
- Dal lunedì al venerdì: 16.00 - 18.00
- Sabato: 14.00 - 16.00
- Domenica: 9.00 - 11.00

Seguiamo l’invito del nostro Vescovo ad affidarci uniti alla preghiera e a seguire in diretta televisiva le Ss. Messe. Grazie

Don Ettore

Sottocategorie